I nostri tour in Albania eccezionalmente d’Inverno

In Albania anche d’inverno si possono eccezionalmente fare dei tour.

I nostri turisti non sembrano preoccuparsi più di tanto né del freddo ( che poi in Albania non è mai eccessivo) né della pioggia che impegna tutto sommato poche settimane l’anno.

In questo articolo un resoconto che ha stupito anche noi che per la prima volta abbiamo fatto dei tour invernali.

Fondamentale è avere un mezzo di trasporto comodo, caldo e sicuro con il quale girare per le strade anche con la pioggia e avventurarsi in montagna fin dove la neve non impone di fermarsi.

I nostri turisti già fin dal viaggio  godono del paesaggio illuminato da qualche raggio di sole che si fa largo tra le nuvole ancora cariche di pioggia.

Dalla città ai monti.

Uscendo da Tirana, lungo la via numerosi Furre Buke ( forno-pane) sfornano fin dalle prime ore del mattino il byrek l’alternativa alla nostra pizza al taglio, farcita con  ricotta, carne o spinaci. Si tratta in questo caso di una colazione salata accompagnata poi da un buon caffè che in Albania è sempre e dovunque veramente buono.

Il traffico per uscire dalla capitale si fa via via più intenso ma rispetto a tempi precedenti, è ora reso più fluido dal nuovo sottopasso alla rotonda ex shqiponja ( dove prima c’era una grande istallazione in ferro con l’effige della bandiera albanese con la testa dell’aquila  bicipide chiamata appunto Shqiponja).

Siamo diretti al nord per raggiungere Scutari ( Shkodra) e dobbiamo attraversare Lezha e qui il traffico è sempre più intenso per i numerosi mezzi pesanti e pullman che percorrono la super strada che porta anche in Kosovo.

Dopo circa un paio d’ore eccoci arrivati a Scutari, l’attraversiamo e proseguiamo verso Koplik. Proseguiamo ancora e poi prendiamo la strada per Vermosh che è il Comune più a nord di tutta l’Albania.

A  pochi chilometri c’è anche il confine con il Montenegro ma la nostra meta è a circa metà percorso e allora incominciamo a salire.

La strada è tutta asfaltata fino in cima e i nostri turisti ad ogni curva sgranano gli occhi di fronte all’imponenza delle montagne che si avvicinano sempre più in tutta la loro maestosità.

Nel salire ci accompagna la vista di una grande croce  fatta con massi bianchi che con il salire diventa sempre più visibile e più grande.

Ed ecco allora che è tutto un susseguirsi di curve e ad ogni slargo della strada soste per scattare foto e fare video.

Il cielo è plumbeo e l’aria sempre più fredda ma ai nostri amici, anche se non perfettamente abbigliati per l’alta montagna, sembra non importare.

Un panorama da cartolina

Arriviamo a Leqet e Hotit ( i tornanti della zona di Hot) dove sono stati costruiti dei balconi panoramici sui quali affacciarsi nel vuoto e da dove la strada sottostante sembra una miniatura.

Tutto intorno le alte vette innevate ci fanno da cornice regalandoci  panorami mozzafiato.

Il periodo pre natalizio poi regala un’atmosfera magica con i versanti più in alto ricchi di pini ed abeti.

Proseguiamo fino a Tamara   dove il fiume Cem sempre più ricco di acque, in questa stagione invernale ha ingrandito il suo letto nel  kanyon scavato nel fondo valle con una portata d’acqua di molto superiore a quella estiva.

Il colore dell’acqua del fiume è ora di un verde azzurro intenso e il fragore dello scorrere riempie il silenzio del posto.

In estate a questo punto i nostri turisti si sarebbero bagnati i piedi saltellando sul fiume tra un sasso e l’altro e sulle rive avrebbero raccolto more e altri frutti di bosco.

Lo raccontiamo ai nostri turisti di oggi ma sono troppo felici di essere lì che non sembrano proprio dispiacersene.

E arrivata l’ora del pranzo e un caldo camino e una buona cucina ci aspettano.

In questa stagione non ci sono tanti turisti ma l’allegria dei nostri amici e un buon calice di vino creano una simpatica atmosfera gioiosa.

Ancora tante foto e video ma tra un po’ sarà ora di andare e ritornare in città.

Si ride e si scherza e la giornata umida e piovosa è risultata essere un successo.

In minibus si rilassano contenti.

Io continuo a guidare con calma e penso come sempre: “turisti felici e noi soddisfatti!”

https://www.facebook.com/watch/?v35=6182727993715

 

 

 

 

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

16 − 5 =