In Albania, cosa succede con il Coronavirus?

Quante volte, in questo ultimo anno ci hanno chiesto: “Come vanno le cose lì in Albania con il Covid?

La domanda è chiaramente riferita alla situazione dovuta alla pandemia e a tutto ciò che direttamente o indirettamente ne consegue.

Non essendo noi di “Albania Insieme” medici o esperti virologi, ce lo chiedono  per il semplice fatto che  andando avanti e indietro tra Italia e Albania per lavoro, possiamo fare i dovuti confronti, oltre che avere  esperienze dirette sul posto.

Allora, diciamo subito che in Albania non ci sono le zone a colori anche perché essendo uno Stato grande poco più della nostra Sardegna, sarebbe complicato assegnare alle Prefetture dei vari comprensori territoriali un colore e stabilire linee di confine invalicabili.

Fin dall’inizio della pandemia nello scorso anno, sono stati attivate tutte le misure anti Covid  che ben conosciamo.

LE NORME ANTICOVID

  • Distanziamento-Mascherina-Igiene delle mani.
  • In caso di positività asintomatica o lieve, si avvia la quarantena fiduciaria in casa.
  • Per i casi più gravi c’è il ricovero – terapia intensiva o sub intensiva nei diversi ospedali.
  • Le attività commerciali non hanno subito chiusure ma hanno dovuto e devono ancora attenersi alle norme previste dal Governo, con regole ben stringenti.
  • Vietati gli assembramenti e dal 15 ottobre scorso obbligo di mascherine per tutti anche all’aperto.
  • Le scuole elementari, medie e superiori hanno didattica in presenza ma con turni e orari ridotti, le Università sono ancora con didattica a distanza.
  • E’ iniziato il percorso di vaccinazione e sono già state preventivate le prime 800mila dosi (per una popolazione totale che non arriva ai 3 milioni)
  • Il “coprifuoco” dalle 20 alle 06 tuttora in corso ed è stato ulteriormente prorogato

I dispositivi di controllo attivati sono abbastanza serrati e già durante il Lockdown nel 2020 ha visto una forte stretta in cui uscire anche per approvvigionarsi era veramente difficile e lo si poteva fare soltanto in alcune ore mentre agli anziani era severamente vietato.

VOLI E TRAGHETTI

  • Ora sono ripresi i voli da e per l’Albania così come i trasporti via mare anche se entrambi ancora in forma ridotta.
  • Necessita un’autocertificazione da presentare agli imbarchi dove viene effettuato il controllo della temperatura.
  • La domanda che più interessa a chi vorrebbe andare in Albania però è questa:” Ma per arrivare o partire dall’Albania serve fare il tampone?” La risposta è no!
  • Bisogna però ricordare che dall’Italia si può andare in Albania non per turismo ma soltanto per motivi di studio-salute-ricongiungimento famigliare o lavoro (come nel nostro caso)http://www.viaggiaresicuri.it

A tutt’oggi in Albania si contano 96 mila casi con più di 1600 morti e tenendo conto dell’esiguità della popolazione, sono senz’altro cifre considerevoli.

Come si comportano gli Albanesi rispetto al Covid?

Come anche in Italia c’è chi è ligio e rispettoso verso le norme e chi invece cerca di minimizzare ma, grazie ai controlli molto attivi che prevedono multe salatissime, si nota in generale un andamento abbastanza rispettoso. I giovani comunque sono ancora troppo numerosi nei locali che per fortuna chiudono, come già detto, alle ore 20 quando potrebbero verificarsi veri e propri assembramenti.

Questa, in definitiva è la situazione attuale in Albania e come avete letto ricalca più o meno quella dell’Italia con alcune differenze che ai fini della protezione per il contagio è poco significativa.

Il rispetto per le norme ed il buon senso devono restare alti ma grazie ai vaccini e all’attenzione di ognuno si aspetta anche qui in Albania di uscirne quanto prima.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 + quindici =